© 2018 by BT Crew. Proudly created with Wix.com

Follow us on:

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White YouTube Icon

Storia di una Buona Novella

SPETTACOLO TEATRALE MUSICALE

ispirato al concept album

LA BUONA NOVELLA di  FABRIZIO DE ANDRÉ

 

 

Regia: Daniela Brizio

Testo originale: Toni Battaglino

Musiche: Fabrizio De André e Gian Piero Reverberi, eseguite con band dal vivo (ove  possibile)

Coreografie: Cristina Surace

Arrangiamenti originali: Marco Dellatorre

Arrangiamenti e Direzione Cori: Stefania Bonetto

Luci: Gianfranco Ferrari
Costumi: Piccolo Teatro di Bra
Scenografie: Piccolo Teatro di Bra

Durata: 2 ore circa

È stato in una sera come tante, seduti al tavolo di un’osteria, come fossimo nella “città vecchia”, che abbiamo iniziato a parlare di Fabrizio De André e della sua Buona Novella.

Un gruppo di amici, tutti musicisti e teatranti: «Sarebbe bello De André… in questi tempi di “sole, cuore, amore”, di diritti negati e di lavori precari, sarebbe proprio bello De André!»

Così è nata la storia di Ephraim e Lia, la storia di una buona novella.

Per scriverla oggi, però, è stato necessario partire dalla fine, prendendo la rincorsa “dall’alto dei naufragi” della Smisurata Preghiera per schierarsi in direzione ostinata e contraria contro l’idea di una maggioranza inerte, immobile, bloccata.

Anche noi facciamo parte di questa maggioranza, ma questa sera proviamo a risvegliarci e a considerare ipotesi “altre” insieme a Fabrizio De André e insieme a voi, rileggendo il dramma profondamente umano dell’uccisione di Cristo e dei due uomini al suo fianco: uomini prima che ladri, uomini prima che derelitti, uomini prima che condannati.

La nostra Buona Novella è un dialogo tra un vecchio ed un'adolescente, tra un inizio senza preconcetti, pieno di energia e di giudizi sommari, ed un crepuscolo, pieno di esperienze, rimpianti e, a volte, rimorsi. Due modi di vedere il mondo, così diversi, ma capaci, attraverso l’incontro, di piacersi, di rileggere le proprie convinzioni filtrate dalle ragioni dell’altro e di rialzarsi e ripartire raccontando ognuno la propria storia.

Ed infine, la nostra Buona Novella vuole essere un dialogo con voi: quindi, per una sera, fingiamo di essere ad Eufemia, la città invisibile di Calvino “in cui ci si scambia la memoria a ogni solstizio e a ogni equinozio”, sediamoci accanto ai fuochi tutt’intorno al mercato e raccontiamo le nostre storie sapendo che, da quel momento in poi, non saranno più le stesse...

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now